Ribellioni qui e là, e ovunque

 

di IMMANUEL WALLERSTEIN *

Alla persistente nuova rivolta in Turchia è seguita una ancora più grande in Brasile, che a sua volta è stata seguita da un’altra meno pubblicizzata, ma non meno reale, in Bulgaria. Certo, non sono state le prime, ma solo le più recenti di una serie in verità mondiale di ribellioni di questo tipo negli ultimi anni. Ci sono molti modi per analizzare questo fenomeno. Io le vedo, le rivolte, come un processo continuato di quel che era iniziato come la rivoluzione-mondo del 1968.

Con ogni sicurezza, ogni insurrezione è unica nei suoi dettagli e nella compenetrazione interna delle forze all’interno di ogni paese. Ma ci sono certe somiglianze che si devono notare, se vogliamo dare un senso a ciò che sta accadendo e decidere ciò che dovremmo fare tutti noi, come individui e come gruppi.

La prima caratteristica comune è che tutte le ribellioni tendono a iniziare con molto poco – una manciata di persone coraggiose che si manifesta intorno a qualcosa. E poi, se prendono, ciò che è in gran parte imprevedibile, diventano di massa.

Improvvisamente non è solo il governo a essere sotto assedio, ma, in una certa misura, lo Stato come Stato. Queste insurrezioni sono una combinazione di quelli che chiedono di sostituire il governo con uno migliore e coloro che mettono in dubbio la legittimità stessa dello Stato. Entrambi i gruppi invocano la democrazia e i diritti umani, anche se le definizioni che forniscono di questi due termini sono abbastanza varie. Il generale, il tono di queste rivolte inizia sul lato sinistro della scena politica.

Naturalmente, i governi al potere reagiscono. Ciascuno cerca di reprimere la rivolta o di provare placarla con qualche concessione, o tenta entrambe le risposte. La repressione spesso funziona, ma a volte è controproducente per il governo al potere, e attira più persone in piazza. Le concessioni funzionano spesso, ma a volte sono controproducenti per il governo, e spingono la gente in strada ad aumentare le sue richieste. Parlando in generale, i governi provano con la repressione piuttosto che con le concessioni. E, in generale, la repressione tende a funzionare in un tempo relativamente breve.

La seconda caratteristica comune di queste rivolte è che nessuna continua ad alta velocità per troppo tempo. Coloro che protestano si arrendono davanti alle misure repressive. Oppure vengono cooptati, fino ad un certo punto, da parte del governo. O si stancano dell’enorme sforzo richiesto dalle manifestazioni continue. Questa dissolvenza delle proteste aperte è assolutamente normale. Ciò non indica il fallimento delle rivolte.

Questa è la terza caratteristica comune delle rivolte. In qualunque modo arrivi al termine, ci lasciano una eredità. Qualcosa è cambiato nella politica del paese, e quasi sempre per il meglio. Hanno collocato nell’agenda pubblica un tema importante, come ad esempio le disuguaglianze. O hanno aumentato il senso di dignità degli strati più bassi della popolazione. O hanno incrementato lo scetticismo circa la verbosità con cui i governi tendono a mascherare le loro politiche.

La quarta caratteristica comune è che, in tutte le ribellioni, molti di coloro che si uniscono, soprattutto se si sono aggiunti in ritardo, non lo fanno per approfondire gli obiettivi iniziali, ma per pervertirli o per spingere gruppi di destra verso il potere politico, diversi da quelli che sono al potere ma non in nessun modo gente più democratica o che tuteli i diritti umani.

La quinta caratteristica comune è che tutti vengono impantanati nel groviglio geopolitico. I governi potenti al di fuori del paese in cui si verifica il disordine lavorano duro, anche se non sempre con successo, per aiutare i gruppi favorevoli ai loro interessi a diventare il potere. Questo accade così spesso che, per ora, una delle domande immediate su una particolare ribellione è sempre, o dovrebbe essere sempre, quali ne saranno le conseguenze per il sistema-mondo nel suo complesso. Questo è molto difficile, dato che le conseguenze geopolitiche potenziali possono spingere qualcuno ad andare nella direzione opposta alla direzione antiautoritaria iniziale.

Infine, ricordiamo che in questo, come in tutto ciò che accade ora, siamo nel bel mezzo di una transizione strutturale da una economia-mondo capitalista che svanisce a un nuovo tipo di sistema. Ma questo nuovo tipo di sistema può risultare migliore o peggiore. Questa è la battaglia reale dei prossimi 20-40 anni, e il come ci comportiamo qui, lì o da da tutte le parti dovrà essere decisa in funzione di questa importante battaglia politica fondamentael a livello mondiale.

* da La Jornada da di Città del Messico, traduzione dallo spagnolo a cura di DKm0.

http://www.jornada.unam.mx/2013/07/06/opinion/021a1mun

 

 

 
 
 
 

2 Commenti

 
  1. […] /2013/07/06/ribellioni-qui-e-la-e-ovunque/ //Start section to modify var ed_Related_Title_Box = "Ti potrebbero interessare anche"; //Define the title box var ed_Related_Result_Number = 0; //Define the max number of result : 0 = All result var ed_Related_Result_Lenght = 70; //Define the max title lenght var ed_Related_Box_Width = "610px"; //Define the box width var ed_Related_Title_Box_Color = "#CD1713"; //Define the title color var ed_Related_Box_Line_Height = "25px"; //Define the distance between title and links var ed_Related_Padding_Right = "10px"; //Define the distance from box right border var ed_Related_Title_Font_Family = "'palatino linotype',palatino,'times new roman',times,serif"; //Define the title font family var ed_Related_Title_Font_Size = "19px"; //Define the title font size var ed_Related_Title_Font_Weight = "bold"; //Define the title font weight var ed_Related_Link_Font_Family = "'palatino linotype',palatino,'times new roman',times,serif"; //Define the link font family var ed_Related_Link_Font_Size = "13px/19px"; //Define the link font size var ed_Related_Link_Color = "#555555"; //Define the link color var ed_Related_Link_Line_Height = "25px"; //Define the distance between link rows var ed_Related_Link_Decoration = "underline"; //Define the link decoration: none = nothing decoration var ed_Related_Link_Weight = "normal"; //Define the link font weight var ed_Related_Link_Display = "inline-block"; //Define the links display property var ed_Related_Char = " + "; //Define the decoration row char var ed_Related_Char_Color = "#555555"; //Define the color of decoration row char var ed_Related_Char_Font_Weight = "normal"; //Define the font weight of decoration row char //End section to modify function ed_Related_Box() { if ((eDintorniRelated["Link"]["Record"].length > ed_Related_Result_Number) && (ed_Related_Result_Number != 0)) { ed_Related_Counter = ed_Related_Result_Number; } else{ ed_Related_Counter = eDintorniRelated["Link"]["Record"].length; } ed_Related_Div = document.getElementById("ed_Related_Box"); for (ed_Related_I = 0; ed_Related_I < ed_Related_Counter; ed_Related_I++) { if (ed_Related_I == 0) { ed_Related_Box_Div = document.createElement("span"); ed_Related_Box_Div.style.width = ed_Related_Box_Width; ed_Related_Box_Div.style.fontFamily = ed_Related_Title_Font_Family; ed_Related_Box_Div.style.fontSize = ed_Related_Title_Font_Size; ed_Related_Box_Div.style.color = ed_Related_Title_Box_Color; ed_Related_Box_Div.style.fontWeight = ed_Related_Title_Font_Weight; ed_Related_Box_Div.style.lineHeight = ed_Related_Box_Line_Height; ed_Related_Box_Div.style.cssFloat = "left"; ed_Related_TitleBox = document.createTextNode(ed_Related_Title_Box); ed_Related_Box_Div.appendChild(ed_Related_TitleBox); ed_Related_Div.appendChild(ed_Related_Box_Div); } ed_Related_Content = document.createElement("div"); ed_Related_Content.style.width = ed_Related_Box_Width; ed_Related_Record = eDintorniRelated["Link"]["Record"][ed_Related_I]; ed_Related_Link = document.createElement("a"); ed_Related_Link.href = ed_Related_Record["Url"]; ed_Related_Link.style.fontFamily = ed_Related_Link_Font_Family; ed_Related_Link.style.fontSize = ed_Related_Link_Font_Size; ed_Related_Link.style.fontWeight = ed_Related_Link_Weight; ed_Related_Link.style.lineHeight = ed_Related_Link_Line_Height; ed_Related_Link.style.color = ed_Related_Link_Color; ed_Related_Link.style.textDecoration = ed_Related_Link_Decoration; ed_Related_Link.style.display = ed_Related_Link_Display; ed_Related_Link.style.border = "0px"; ed_Related_Link_Char_Decoration = document.createElement("span"); ed_Related_Link_Char_Decoration.innerHTML = ed_Related_Char; ed_Related_Link_Char_Decoration.style.fontWeight = ed_Related_Char_Font_Weight; ed_Related_Link_Char_Decoration.style.fontFamily = ed_Related_Link_Font_Family; ed_Related_Link_Char_Decoration.style.fontSize = ed_Related_Link_Font_Size; ed_Related_Link_Char_Decoration.style.color = ed_Related_Char_Color; ed_Related_Content.appendChild(ed_Related_Link_Char_Decoration); if (ed_Related_Record["Title"].length > ed_Related_Result_Lenght){ ed_Related_Link.setAttribute("title", ed_Related_Record["Title"]); ed_Related_Title = document.createTextNode(ed_Related_Record["Title"].substring(0,ed_Related_Result_Lenght) + "…"); } else{ ed_Related_Title = document.createTextNode(ed_Related_Record["Title"]); } ed_Related_Link.appendChild(ed_Related_Title); ed_Related_Content.appendChild(ed_Related_Link); ed_Related_Div.appendChild(ed_Related_Content); } } ed_Related_Box(); Tags Berlusconi città crisi dati dell diritti donne famiglia Fatto Quotidiano futuro Giovani giustizia Governo Guerra il fatto quotidiano informarexresistere informarexresistere.fr Informazione Italia italiani Lavoro lega legge Libertà mafia mercato milano mondo parlamento parole pdl Politica Polizia PROCESSO Repubblica ricerca rispetto roma scuola sicurezza SOCIALE STATO storia USA VOTO […]

    Rispondi
  2. gaetano stella scrive:

    L’ANALISI DI SULLO , CHE CONDIVIDO, E LO SCRITTO DI WALLERSTEIN VANNO “INTRECCIATI”…

    LIBERIAMO SNOWDEN! LIBERIAMO LA COMUNICAZIONE!
    LIBERIAMO LA RETE ! LIBERIAMO IL WEB ! LIBERIAMO LA COMUNICAZIONE ! LIBERIAMO SNOWDEN ! Per un movimento mondiale di “libertà” e “democrazia”. Per liberare l’umanità dalla fame dalle miserie dalle disuguaglianze dalla precarietà dallo sfruttamento dall’effetto serra dalla distruzione della natura e dell’ambiente dal “femminicidio” e dalla manipolazione e dalla negazione della comunicazione…dalla dittatura della finanza delle banche degli speculatori e dalle caste politiche contigue e complici del dominio di una minoranza.
    BASTA CON LA “FAVOLA” DELLA “DEMOCRAZIA” AMERICANA! Mai come ora “l’imperialismo americano” è in atto e in azione e l’EUROPA della TROIKA e dei tecnocrati della UE è complice e partecipe dello stesso POTERE. Dopo l’11 settembre abbiamo vissuto un crescendo mondiale di manipolazione e negazione di libertà e democrazia. E l’11 settembre, checchè ne dicano tutti i manipolatori mediali mondiali, è stata la PEARL HARBOUR che è servita” a “giustificare”le guerre e l’instaurazione di un “sistema” mondiale di negazione delle libertà individuali e di controllo e manipolazione globale. LA STASI E’ DIVENTATA MONDIALE ! Prima ASSANGE e poi SNOWDEN l’hanno dimostrato. E per questo rischiano la vita. Solo una mobilitazione mondiale dal basso potrà salvarli. Siamo tutti coinvolti.
    OBAMA E’ LA CONTINUAZIONE DI BUSH con “altri mezzi”. LO DICONO “prove” indubitabili. Checchè ne pensi Saviano. O la Rubinati o la stessa Spinelli…che continuano a negare ciò che abbiamo sotto gli occhi.
    DOPO IL GENOCIDIO degli indiani d’America, dopo l’”epopea” del FAR-WEST( fatta di sangue violenza e sradicamento degi autoctoni..) immortalata e propinata dall’industria della manipolazione dell’immaginario collettivo , dopo l’invasione e la devastazione di centinaia di paesi “stranieri”,dopo l’atomica su HIROSHIMA e NAGASAKI ( a guerra “vinta”…ma per imporre e incutere terrore e dominio mondiale..), dopo la COREA e il genocidio di Vietnam e Cambogia e Laos, dopo i “colpi di stato” e l’imposizione di dittature “amiche” nel “cortile di casa” (?!) dell’America Latina..dop avere riempito il mondo di armi e basi militari..l’11 settembre è servito (senza mai chiarire gli antefatti e la dinamica “reale” degli attentati…fatti fare? o fatti da chi poi li ha utilizzati?) per imporre al mondo il nuovo “nemico” IL TERRORISMO (che prima si chiamava “comunismo”) e per invadere l’Afghanistan ( nessuno del commandos era talebano !) e per invadere e devastare l’IRAQ (dove le armi di “distruzione di massa” non c’erano e ce le hanno portate loro…).. tutto fuori dal diritto internazionale e dalla VERITA’ dei fatti..ciò è servito per causare UN MILIONE DI MORTI (Lancet!) distruggere una cultura e una civiltà destabilizzare il M. O. e assicurarsi il controllo del petrolio iracheno..l’EUROPA di Blair Aznar Berlusconi ecc. è stata al carro degli USA e della banda di criminali di guerra che hanno accompagnato BUSH . E ora continua a stargli dietro ancora in Afghanistan. OBAMA ha solo spostato le truppe dall’IRAQ all’Afghanistan, non ha chiuso Guantanamo, non ha mosso un dito contro l’effetto serra e la devastazione dell’ambiente (facendo fallire tutti i consessi internazionali..) nonostante la crescita dei fenomeni estremi (tornado tifoni alluvioni…) il dramma del Golfo del Messico la distruzione di New Orleans ecc., non ha “processato” la banda Bush, ed ha “salvato” nella Crisi da loro causata quell’1% che domina l’America.
    MA ORA SIAMO AL SALTO DI QUALITA’- Quello che Assange e Morning e Snowden hanno dimostrato è che IL GRANDE FRATELLO E’ IN ATTO. Gli USA spiano e “controllano” il mondo. Spiano anche i loro “amici”. Tutti noi siamo “spiati”. E i Grandi social-network stanno al gioco.Mai una cosa del genere è stata realizzata. E tutto ciò non è certo a caso. Le rivoluzioni arabe gli Indignados spagnoli Occupy Wall Street e ora la rivolta turca quella brasiliana e quella egiziana ..hanno avuto nella possibilità della comunicazione non controllata dal POTERE nella comunicazione orizzontale e dal basso il luogo e la forma dello scoppio dell’organizzazione e della diffusione della rivolta. Il potere è stato denudato disvelato de-legittimato e attaccato. Senza capi leader vertici strategie codificate..Quindi ,“la comunicazione” libera è diventata “il nemico”.Le rivelazioni di Assange e Snowden (documentate!) sono un attacco alle forme del dominio imperiale in atto e la dimostrazione che “La democrazia” senza comunicazione partecipazione riappropriazione e pratica dal basso verità e difesa della privacy individuale è solo un grande imbroglio. LIBERIAMO ASSANGE ! LIBERIAMO SNOWDEN !
    N.B. IL “sequestro” di Morales e la complicità dei governi europei.. è una ulteriore esemplificazione e una dimostrazione concreta di “imperialismo” e di disprezzo del diritto internazionale. L’Italia , come al solito, è complice di un atto di banditismo imperiale.
    Gaetano Stella –Empoli /8/7/13
    -passaparola! Pubblica!

    Rispondi
 

Lascia un commento

 

Fare clic qui per annullare la risposta.